Visualizzazioni totali

venerdì 22 settembre 2017

Manifestazioni nei paesi vicini: Ussassai e Seui

L'autunno è arrivato e i paesi vicini di Ussassai e Seui sono intenti nei preparativi per le loro meravigliose manifestazioni.
 Partecipate numerosi............non rimarrete delusi!!!
 
 


giovedì 21 settembre 2017

Strane presenze: undicesima parte.


L'estate ormai ci ha lasciato, un nuovo autunno ci attende.
Con l'estate sono andati via gli ospiti/amici che ho conosciuto e tanti che ho rivisto diverse volte durante gli anni passati........ed è tra questi che ho ritrovato ricordi che distrattamente avevo riposto via e non so perché!


Una simpatica coppia col figlio, Monica S.è venuta forse quattro volte dal loro primo incontro col nostro paese, mi ha raccontato tante cose e tra queste mi ha ricordato l'ultima volta che erano stati nella struttura di Giuanni.......infatti prima di partire al momento in cui ci salutiamo chiedo sempre di ricordarsi di lasciarmi le chiavi! Lui mi disse di averle lasciate in camera ma io non le trovavo, per cui decisi di telefonargli mentre avevano iniziato il loro viaggio di ritorno a casa! Mi disse di averle lasciate in camera ma... non le trovavo! Al che lui decise di fermare la macchina e cercare nelle tasche del pantalone, ma inutilmente. Eppure era certo di averle lasciate la in camera sul comò! Fruga e rifruga, finalmente le trovò nella tasca dei pantaloni ma........quelli riposti in valigia il giorno precedente! Quasi non ci credeva eppure ne era certo! quei pantaloni li aveva sistemati in valigia il giorno prima ed aveva chiuso la porta diverse volte, non era proprio possibile! Un sorriso si disegnò sul suo viso.......lo scherzo di un piccolo folletto che viveva in una magica casa!

                            
 
Poi Sandra che ritorna per la terza volta e confessa che anche lei ha vissuto un'esperienza strana. Era nella casa de Su Scieri con una coppia di amici con i quali condivideva il bagno ed è proprio la mattina che mentre si accingeva a farsi la doccia sente i passi pesanti sui gradini di pietra che portano alla porta del bagno.
 

Istintivamente avverte l'amico di aspettare perché lei deve farsi la doccia, ma inutilmente perché i passi proseguono e conducono alla porta e li si fermano. "Aspetta un po!" grida e poi sente i passi che indietreggiano e risalgono le scale che portano alla camera. Finita la doccia risale col marito per tornare in camera e si accorge che nella camera degli amici non c'è nessuno. Strano pensa e dopo un'oretta la coppia degli amici torna. Alla domanda come mai non avesse sentito lei precedentemente, gli amici rispondono che erano usciti di prima mattina per fare una passeggiata lasciandoli ancora addormentati.............Ed allora di chi erano i passi sentiti? Mistero!!!

sabato 2 settembre 2017

Sagra de is culurgionis 2017: resoconto



Eccoci qua a distanza di qualche settimana a raccontarvi della manifestazione svoltasi qui a Sadali in occasione della XXIV sagra de is culurgionis.
Dopo diverse edizioni in piazza Venezia, il nuovo direttivo ha deciso di puntare sul centro storico del nostro meraviglioso paese.
E si non è una esagerazione dire meraviglioso perché in effetti lo è! Recuperato nel corso dei diversi decenni ora si mostra col suo fascino accattivante ed attira l'interesse dei visitatori che ne rimangono rapiti.
Infatti non è comune ritrovare in un centro storico una cascata ed innumerevoli sorgenti che, nonostante il fortissimo periodo di siccità, allietano e rinfrescano i viandanti.

Nel corso degli anni in cui ho svolto l'attività di affittacamere, gli ospiti mi hanno sempre chiesto perché la manifestazione non si svolgesse giù nel centro storico.
Non volendo sminuire in nessun modo il lavoro ed il sacrificio di tanti rispondevo che era questione di scelte e di comodità ma mi veniva sempre fatto osservare che in ogni luogo della Sardegna o del resto del continente le manifestazioni gastronomiche, etniche e culturali di una certa importanza venivano svolte nei luoghi di pregio che certamente a noi Sadalesi non mancano. Ben accolta quindi la scelta, il nuovo direttivo della proloco si è adoperato nella sua riuscita.
 (cartina del centro storico a cura dell'ecomuseo di Sadali)
 
I giovani ragazzi anche nuovi dell'esperienza hanno mobilitato letteralmente il paese che ha risposto con entusiasmo e partecipazione.
I prodotti sono stati recuperati in loco, dal formaggio alle patate e tutto il necessario è stato acquistato a km 0. Volete ridere???? Un giorno un ospite che chiamava per prenotare per l'evento mi ha posto una domanda ...."Daniela le posso fare una domanda indiscreta?" ed io a fantasticare cosa potesse essere!!! "Si naturalmente" ....."ma le patate sono del supermercato o dei produttori sadalesi??"....e no! come è possibile avere un dubbio simile??? ..."Ma sta scherzando? le patate sono dei nostri agricoltori che con passione ed esperienza le coltivano nei nostri orti situati nei terrazzamenti del centro storico ed irrigati dalle gore che per decine di km attraversano gli appezzamenti familiari e "de bucu in bucu" portano l'acqua per bagnarli!!! Aver avuto un dubbio simile mi ha ferito nell'animo, le patate di Sadali sono conosciute per la loro altissima qualità.
Quindi una volta recuperato il necessario e con la forza delle braccia di tanti si è dato avvio alla preparazione.

Nella prima fase ci si è concentrati sul lavaggio e cottura delle patate; sbucciarle e ridurle in purea, lavorarle con l'olio extravergine di oliva.

Una volta tiepide si è unito il formaggio fresco primo sale di pecora poi i condimenti come formaggio in salamoia, olio evo, strutto menta e aglio.

 

Non vi immaginate che lavoro! poco meno di 300 kg di sole patate e con tutto il resto in proporzione è diventato un impasto enorme dove le braccia per amalgamarlo ed impastarlo erano veramente tante e con tanta forza.



Organizzare per il giorno seguente e via le signore trepidavano, li di prima mattina con un orologio biologico incorporato non vedevano l'ora di chiudere! Aiuto che forza ......io ero ancora stanca dal giorno prima!

Le giornate che ci hanno accompagnato fino alla fine delle manifestazione  sono state caratterizzate da un caldo allucinante, non solo qui in paese ma in tutta la Sardegna.
Si chiudeva

e si correva per riporre in breve tempo i culurgionis in cella frigorifera,



 il tutto fino al venerdì sera quando si è conclusa la chiusura. Indovinate quanti????.......circa 20.000!
 

Grandi e piccini insieme per condividere l'esperienza, per imparare i nuovi


e per insegnare le nostre sapienti massaie,

il tutto in un clima disteso di collaborazione che non si assaporava da tanto tempo. Ma nel frattempo che le massaie e massai si dedicavano ai culurgionis





il resto del gruppo allestiva e preparava banchetti, coperture, chioschetti per le due giornate successive.
Vi sono stati espositori vari,



artisti e gruppi folk, venditori, cucine tradizionali

dove si poteva trovare di tutto ed accompagnato dal sorriso e la musica fino a tarda notte.
I buoni intenditori hanno degustato ed i culurgionis della proloco hanno ottenuto pieni voti.



Si è vissuto un clima di festa e partecipazione fino a quando delle mani assassine hanno deciso di compiere una scempio ambientale di proporzioni ingenti: hanno appiccato un fuoco che ha rovinato il nostro patrimonio ambientale e rattristato tanti.
Tutti di corsa a spegnere l'incendio, forze dell'ordine, protezione civile, volontari di tutte le età si sono riversati sulla zona in prossimità della stazione di Esterzili dove erano già presenti canader, elicotteri e vigili del fuoco. A tarda sera si è domato il fuoco ma lo spirito della festa è certamente cambiato.
 

Tante persone hanno perso il lavoro di una vita, frutteti, vigne, oliveti, capannoni, foraggio e pascolo andato completamente in cenere. Una corsa per salvare tutto che ha messo a rischio la vita di tanti.
A parte ciò naturalmente la festa proseguiva  con l'occhio al cielo a scrutare le nuvole di fuoco ed il rumore dei mezzi aerei. Io compresa!


Nonostante questa calamità la festa ha riscosso grande plauso, l'obiettivo che si era prefissato è stato raggiunto.

Un grazie a tutti coloro che col loro impegno l'hanno resa magnifica e soprattutto alla enorme partecipazione di tanti golosoni, curiosi turisti che ancora una volta hanno scelto Sadali!

domenica 2 aprile 2017

Monumenti aperti 2017


Anche quest'anno è stato riconfermato l'evento di Monumenti Aperti  e Sadali si appresta a partecipare ed accogliere tutti coloro che con curiosità ed entusiasmo vogliono scoprire le meraviglie del paese e del territorio limitrofo.
Le guide saranno curate dall'Ecomuseo delle acque della Barbagia
https://www.facebook.com/ecomuseo.sadali
che oltre ai siti già conosciuti negli anni passati,
Grotte de Margiani Ghiani


 su stampu de su turnu o turrunu



 cascata e chiesa di san Valentino





quest'anno per la prima volta porterà i turisti a visitare la casa Podda


inaugurata qualche mese fa.
Mi raccomando, non mancate!!!!

Questo il link dove potete trovare in dettaglio il programma della manifestazione
https://www.facebook.com/events/1022080987893565/

Sadali vi aspetta ed anche l'affittacamere "Le case del folletto" naturalmente!!!
http://www.lecasedelfolletto.it/

Seulo: s'orrosa de padenti 2017


Anche quest'anno a Seulo si rinnova l'appuntamento con la manifestazione de "S'orrosa de Padenti". Credo che ormai tutti sappiano di questa manifestazione che prende il nome dal meraviglioso fiore che sboccia all'inizio della primavera. Seulo, come tanti altri comuni di montagna, ha nei suoi boschi questa peonia che conferisce una nota di particolarità e colore ai boschi di leccio- detto comunemente "Padenti".
Che aspettata dunque a venire a vedere le peonie e i suoi boschi con le visite guidate organizzate per l'occasione?
Tante altre iniziative vi aspettano in questa manifestazione!!!!
Potete consultare il ricco programma visionando il seguente link  https://www.facebook.com/events/1267161440003571/

Buon divertimento e se qualcuno ha bisogno di un posto letto........l'affittacamere
http://www.lecasedelfolletto.it/

ha le camere a disposizione!!!!!!!!!!!!!!!!!

mercoledì 1 febbraio 2017

Is foghidonis 2017- Resoconto manifestazione



Sabato scorso siamo riusciti finalmente a festeggiare is foghidonis tanto attesi.


La data della manifestazione era stata posticipata a causa delle forti perturbazioni previste circa una settimana fa. Infatti il tanto atteso mal tempo non ha mancato al suo appuntamento inondando il paese di acqua all'inverosimile! Aiuto!


Nonostante si sia data tempestiva comunicazione tramite facebook e sui cartelli pubblicitari già affissi a Cagliari, alcuni temerari hanno sfidato le avversità e sono venuti ugualmente! Poverini!
La manifestazione  ha visto tanti partecipanti anche se non nel numero auspicato. Ormai la data era andata oltre con i tempi e tanti hanno senz'altro preferito stare a casa. Pazienza, sarà per la prossima volta.
Nonostante tutte le avversità, gli impegni sono stati rispettati.
La teatralizzazione della leggenda delle janas si è svolta nel bosco
  
 
all'interno delle grotte omonime.
 


 


La casa Podda ha ridato vita ai suoi ambienti con competenti comparse che per un attimo sembravano gli antichi proprietari col proprio personale!


Il falò è stato acceso nella piazza dietro la chiesa parrocchiale, con diverse cucine a base di prodotti locali.



La mattina seguente tutti nel cortile di casa Podda per assaporare la colazione gratuitamente offerta dall'organizzazione.
Come si può dire in questi casi?
Attrus annus mellus (spero si scriva così)!

P.s. le foto pubblicate sono alcune mie ed altre gentilmente messe a disposizione della mia amica Rosanna Argiolas